Introbio - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Introbio
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: INTROBIO
 Introbio è un comune di 1.605 abitanti della provincia di Lecco. L'abitato, circondato da monti e valichi affascinanti, è caratterizzato da un clima fresco e mite favorito dalle acque dei torrenti che scorrono ai suoi fianchi, l'Acquadura, la Pioverna e la Troggia che, non molto lontano, forma l'omonima cascata. Nel XIV secolo fu capoluogo politico ed amministrativo della Valsassina dove, per antica convenzione si promuovevano i notai della Valle e della Riviera. Possedeva un palazzo del pretorio, sede del Consiglio generale del Podestà, in cui vennero letti e pubblicati nel 1388 gli "Statuti civili e criminali della comunità della Valsassina". Le acque dei torrenti davano forza alle fucine che lavoravano il ferro, illuminando le notti valsassinesi con i riverberi degli altiforni. Un'attività che durò parecchi secoli, dal dominio Visconteo a quello di Maria Teresa. Nell'abitato rimangono case decorate con affreschi e stemmi; delle antiche fortificazioni è ancora visibile la Torre Medioevale (XI-XII secolo) con ancora nelle travature i proiettili lanciati dai Grigioni nell'assalto del 1571; della cinta muraria di cui faceva parte non rimane traccia. Nel tempo la torre subì diverse trasformazioni e sembra che l'aspetto odierno si possa far risalire al XIV secolo. Notevole l'evoluzione sociale ed economica: Introbio oltre ad essere un'interessante località turistica vanta una notevole attività imprenditoriale. L'origine del nome si crede che derivi dalla fusione delle due parole latine "inter Orobios" (tra gli Orobi), che erano i primi abitatori di queste vallate.